Privacy, Google e le novità per tutelarla

Preoccupati per la vostra Privacy? Da oggi non bisogna più aver timore, perché Google ha introdotto una feature importantissima: la cancellazione programmata della cronologia dei luoghi e delle attività online

Internet è un mondo tutto innovativo, marcato dall’estrema mutevolezza e dalle insidie più recondite, dove ogni utente non è quasi mai al sicuro, sia per quanto riguarda la propria privacy, che per quanto riguarda i propri dati sensibili. Da oggi però c’è un’innovazione tutta di casa Google.

Che stiate cercando le ultime notizie riguardanti un argomento, o semplicemente il percorso più rapido per raggiungere un luogo o ancora un locale dove cenare, Google prova sempre ad offrire come responso la proposta più aderente alle esigenze dell’utente finale, nonché in linea con i gusti dello stesso, ma per fare ciò ha bisogno di raccogliere necessariamente una lunga serie di dati riguardanti l’utente.

Tutte queste informazioni raccolte possono però essere tranquillamente consultate e gestite, tramite il proprio account, in maniera neanche troppo complicata, si può, infatti, anche decidere di far si che il sito non conservi alcuna memoria dei luoghi visitati, delle ricerche effettuate sul Web, delle pagine consultate e quant’altro.

Ancora, in piena linea con l’ultima direttiva europea sulla Privacy GDPR, tutti i dati raccolti fino ad un dato momento possono essere esportati o cancellati.

Per quanto riguarda quest’ultima decisione, risulta essere interessante venire a conoscenza dell’introduzione, che sta per avvenire da parte di Google, di uno strumento studiato ad hoc per questa funzione.

Google introdurrà infatti, nel corso delle prossime settimane, un nuovo tipo di controllo mirato ad offrire maggiori alternative che non siano semplicemente “tieni tutto” o “cancella tutto”.

Il funzionamento è molto semplice, bisogna solamente impostare un limite temporale per la conservazione delle informazioni.

In poche parole è una vera e propria via di mezzo che permette di usufruire della personalizzazione dei servizi, senza però obbligare l’utente a mantenere tutta la cronologia delle attività, ma di stabilirla a seconda delle esigenze. Si potrà decidere, ad esempio, di eliminare automaticamente tutti i dati più vecchi di 6 o 18 mesi , senza però intaccare il processo di eliminazione manuale, che resterà del tutto invariato.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO