Paura tra i vicoli di San Gregorio Armeno

Vittoriaalessiamenna_21_secolo_sangregorioarmeno
sangregorioarmeno

I presepi, gli addobbi, le luci: a San Gregorio Armeno è già Natale. Le strade si affollano di persone, tanti curiosi, turisti e visitatori che tra bancarelle e presepi trascorrono qualche ora piacevole. Ma ieri nel nel centro di Napoli per una mamma e la sua bambina ci sono stati attimi di vero terrore.

Vittoriaalessiamenna_21_secolo_presepe
Presepe tipico di Via San Gregorio Armeno

La donna e sua figlia camminavano lungo la strada dei pastori quando ad un certo punto la piccola scompare. Parte subito d’istinto un urlo che sovrasta il rumore e il vociare della folla. È l’urlo della mamma che non trova più la sua bimba di 6 anni.

Secondo una prima ricostruzione, la figlia stava dando la manina alla madre fin quando non è stata strattonata dalla folla dei passanti ed è stata costretta a mollare la mano sicura della mamma. La donna si è accorta subito che la figlia non era più lì vicino a lei: spaventata, ha iniziato a chiamarla a gran voce. Tra la folla riesce a scorgere il giubbino della figlia ma vede una mano che tenta di afferrare la piccolina; a quel punto parte l’urlo. Un urlo fortissimo, quasi disumano, con cui la mamma riesce a farsi spazio tra la gente raggiungendo subito la figlia. Prendendola di nuovo con se, si accorge che la donna che teneva la mano della sua bimba non era italiana, probabilmente dell’est. La straniera ha iniziato subito a inventare scuse e a giustificarsi del suo gesto affermando che stava aiutando la bambina a ritrovare la sua mamma. A quel punto è scoppiata un’accesissima discussione tra la madre e la donna dell’est. Nel frattempo altre 2 donne straniere si sono avvicinate all’amica per aiutarla. Sfortunatamente per loro, la situazione non si mette bene poiché si forma un vero e proprio cerchio con i passanti che capiscono quanto accaduto.

Immediatamente sono stati avvertiti gli agenti della Polizia Municipale che si trovavano lì, ma quando si sono avvicinati alla folla le tre donne dell’est erano già scappate via.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO