Nuovi strumenti di controllo per la privacy su Fb

Mark Zuckerberg ha dichiarato qualche ora fa altri strumenti per controllare la privacy della piattaforma sociale, Facebook – con la possibilità di cancellare definitivamente vecchi post, velocizzando il processo di download, inserendo inoltre una novità chiamata ‘Privacy Shortcut’ alle impostazioni della privacy già esistenti.

Altra aggiunta sarà creata per l’Accesso alle informazioni personali chiamata ‘Access your information’ che garantirà una gestione più sicura alle informazioni, reazioni, post e le ricerche non desiderate dagli utenti. Nuovi strumenti che garantiranno anche la cancellazione totale del materiale raccolto dai server negli anni.

Ci sarà il perfezionamento del download’ dei propri dati che sarà reso più selettivo. Novità che partiranno da oggi e si estenderà a livello mondiale Italia compresa.

I fatti recenti riguardanti il caso ‘Cambridge Analytica’ sul furto di dati e la successiva scoperta di aver lavorato anche per un noto partito italiano, hanno reso indispensabile il rafforzamento della politica sulla privacy sul trattamento di dati personali, e il modo in cui essi sono raccolti e utilizzati, come spiega Erin Egan capo dell’ufficio privacy dell’azienda Facebook.

Intanto altri progetti di lancio da parte del social più usato al mondo sono stati lasciati in sospeso, come lo smart speaker, uno strumento vocale che avrebbe raccolto tutti i comandi degli utenti dalla ricerca di un sito web sino alla lettura delle e-mail. E non solo: in cantiere c’è anche il lancio di nuovi prodotti già presenti sul mercato di strumentazioni di videochat per mettere agli utenti di comunicare come se fossero in un’unica stanza.

Come spiegato da altre fonti, tali prodotti saranno comunque fruibili entro fine anno. Per il momento però messa sotto pressione la società ha preferito largamente impegnarsi a ‘ serrare i ranghi’ e a promulgare un’idea di più corretto controllo come si evince dalle ultime dichiarazioni.

Garantire più sicurezza dunque tutelando i miliardi di utenti che ormai popolano la piattaforma.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO