Nuove regole Serie A (parte I)

Il campionato di quest’anno sarà caratterizzato da una piccola rivoluzione per quanto concerne il regolamento. Tali novità sono state promosse dall’IFAB, organismo che governa le norme del calcio mondiale. Eccole nel dettaglio.

1. Cartellini agli allenatori

Gli allenatori e gli altri membri dello staff potranno essere sanzionati con i cartellini. I cartellini gialli, se cumulati, porteranno alla squalifica. Non sarà esclusa la possibilità di espulsione diretta, così come avviene per i calciatori. Tutti i componenti della panchina potranno quindi subire degli interventi disciplinari. Qualora l’arbitro non riuscisse a individuare il responsabile del comportamento scorretto, sarà l’allenatore a indicarlo oppure a subire l’eventuale sanzione.

2. Calcio di rinvio

Il pallone potrà essere giocato anche all’interno dell’area di rigore. Gli avversari, tuttavia, dovranno restare all’esterno dei 16 metri, ma potranno intervenire dopo il rinvio. Tale norma nasce dalla volontà di rendere il gioco più veloce. I difensori potranno quindi toccare il pallone già all’interno della loro area.

3. Fallo di mano

La volontarietà non sarà più una condizione necessaria per punire un eventuale tocco di mano oppure di braccio. Il tocco col braccio che aumenta il volume del corpo è vietato anche se la distanza è ravvicinata. Per quanto concerne le scivolate, verrà punito il giocatore che tocca il pallone con le mani o con le le braccia sopra l’altezza delle spalle. Saranno annullati i goal di braccio o mano anche se del tutto involontari.

4. Rigori

I portieri, nel corso dei calci di rigore, dovranno restare sulla linea di porta e, al momento della battuta, dovranno avere almeno un piede sulla linea stessa. In caso contrario il penalty andrebbe ripetuto.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO