Napoli: tassisti aggrediscono un ladro algerino

Alcuni tassisti, hanno rincorso e assalito un ladro, il quale precedentemente aveva rubato un telefonino ad un turista proveniente dalla Lituania.

tassisti-aggrediscono-un-ladro-algerino_21secolo_assuntafroncillo
tassisti-aggrediscono-un-ladro-algerino

Oggi, 26 maggio 2018, a Napoli è andato in scena un episodio di giustizia fai da te. L’accaduto si è verificato in piazza Principe Umberto.

Alcuni tassisti, hanno rincorso e assalito un ladro, il quale precedentemente aveva rubato un telefonino a un turista proveniente dalla Lituania.

Il gruppo di tassisti avrebbe aggredito con violenza il ladro, colpendolo con calci e pugni, e sarebbe andato via dopo aver recuperato il cellulare.

Dopo tale aggressione, il ladro di origine algerina è finito al pronto soccorso a causa di diverse contusioni, le quali sono risultate guaribili in dieci giorni circa.

Attualmente le forze dell’ordine stanno effettuando tutte le opportune indagini del caso.

Secondo una prima ricostruzione, il turista lituano inizialmente avrebbe subito il furto del portafogli, così avrebbe dato l’allarme ed in quel momento si sarebbe avvicinato l’algerino, il quale si sarebbe offerto di aiutarlo a chiamare le forze dell’ordine, ma poi gli avrebbe rubato il cellulare e sarebbe corso via.

Tuttavia, le forze dell’ordine non hanno ancora avuto conferma se i ladri del portafogli erano o meno in accordo con il ladro algerino.

Tale episodio del furto del cellulare è stato visto dal gruppo di tassisti presenti sul posto, ed essi prontamente hanno inseguito il ladro. I tassisti hanno appunto acciuffato il ladro algerino nei pressi di piazza Principe Umberto, dove lo avrebbero aggredito con violenza per riprendere il cellulare, rubato dal ladro in precedenza.

Le persone, che hanno visto l’aggressione hanno avvisato le forze dell’ordine che subito sono giunte sul posto e hanno soccorso il ladro algerino. Tuttavia il gruppo di tassisti era già andato via.

Si sottolinea che il ladro algerino non ha denunciato l’aggressione e che attualmente l’identità dei tassisti coinvolti, non è stata ancora individuata.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO