L’allegorico scontro Uomo e Natura di Liu Ruowang

Sarà presentata domani l'opera di Liu Ruo Wang, un'allegoria dello scontro tra Natura ed Uomo atta a far riflettere su i rivolgimenti climatici catastrofici e l'atteggiamento dell'uomo tra la paura e la sfida. Con un branco di cento lupi, emblema della ferinità del mondo animale e naturale Wang rende in modo iconico la rivolta e l'aggressività della Natura ad ogni concetto antropologico e civile di stampo consumistico.

L’artista cinese Liu Ruowang, sempre pronto a discutere con estetica le pecche socioculturali dell’attualità sbarca nel capoluogo campano, precisamente presso Piazza Municipio, portandoci la steppa e i suoi abitanti come metafora della guerra tra ecosistema e umanità.

Con un’istallazione che rende la piazza partenopea adiacente al Maschio Angioino una foresta di metallo nella metropoli, un branco di cento lupi, in posa feroce è posto accerchiando un guerriero titanico per dimensione ed espressione di coraggio.

Un’allegoria realizzata pienamente con fusioni in bronzo del peso di circa 280 kg ciascuno, il lupo in posa violenta e aggressiva ricorda l’ingresso di Dante all’Inferno, proietta lo spettatore verso la metafora dell’aggressione dell’uomo alla biodiversità della Natura, -palesata dal mondo animale- e la conseguente risposta della medesima, nel modo più ferino possibile.

Funzione assorta dall’istallazione, che resterà nella nota piazza fino al 31 marzo 2020 è una violenza critica ai valori della civiltà consumistica e le incertezze in materie ambientali, viste quale procedimento di annientamento del fattore antropologico contro la rivoltosa natura, palesata dall’animale non addomesticabile, il lupo.

L’istallazione, presentata domani 14 novembre, è stata organizzata e curata da Matteo Lorenzelli in collaborazione con Milot e promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Tutismo del Comune di Napoli.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO