M5s: festa a Napoli tra presenti e assenti

"Luigi, magnatill". Ovvero: Luigi, mangiateli, è stato l'invito (ovviamente denso di ironia) rivolto a Luigi di Maio, intervenuto sul palco della festa per i dieci anni del Movimento cinque stelle. Tanti gli attivisti presenti, vari gli ex ministri, assenti, ma al contempo un forte entusiasmo trapelava dalle parole di quanti sono intervenuti sul palco alla Mostra d'Oltremare.

Movimento cinque stelle
Movimento cinque stelle

Il Movimento cinque stelle ha festeggiato a Napoli, precisamente alla Mostra d’Oltremare, il proprio  decennale.  Superato l’ingresso, lungo quello che è stato denominato “Viale delle Stelle” è stato posizionato un grande cartellone che ripercorre le tappe più significative del percorso che ha visto la nascita dieci anni fa, del movimento, ora al governo. La manifestazione, trasformata in una vera e propria festa (come poi ha ribadito a conclusione di serata Beppe Grillo) con una notevole partecipazione e un forte entusiasmo da parte degli attivisti, ha coinvolto diversi esponenti di spicco del movimento, i quali hanno avuto modo di soffermarsi e chiarire varie tematiche di interesse politico.

Un nuovo pacchetto di riforme per il Paese e una nuova organizzazione, che gestisca a livello Regionale e nazionale il M5S. È necessaria una svolta al programma di governo e, soprattutto, all’organigramma del Movimento, provando a sedare ribellioni e diserzioni. In questi ultimi mesi, dopo la sfiducia al Governo Conte, da parte della Lega, si sono susseguite numerose critiche rivolte al movimento stesso, accusato d’esser cambiato, semplicemente per aver stretto un patto con il Partito democratico.

A tal proposito, infatti, da Napoli, lo stesso Luigi Di Maio, intervenuto sul palco della festa con il Premier Giuseppe Conte, ha affermato: “Noi del Movimento cinque stelle, non proponiamo un’alleanza strutturale con il Pd ma dei patti civili’. 

Presente alla manifestazione anche Virginia Raggi, in questi giorni molto discussa e criticata, alla quale ovviamente è arrivato il sostegno da parte del movimento e gli applausi dei presenti. Tra gli assenti invece, critiche ad Alessandro Di Battista e le ex ministre Barbara Lezzi e Giulia Grillo. Assenza sottolineata da Davide Casaleggio, figlio di Gianroberto Casaleggio, fondatore con Beppe Grillo, del Movimento cinque stelle, al quale è stato dedicato un omaggio. Ricordiamo che proprio in ricordo di Casaleggio, morto nel 2016, è nata l’associazione Rosseau. Sulle foto che ritraggono Gianroberto Casaleggio, guru del movimento, si leggeva: ”Il 12 aprile 2016 nasce l’associazione Rousseau per portare avanti il suo sogno di democrazia diretta e cittadinanza digitale”.

Attesissimo l’intervento di Beppe Grillo, mascherato inizialmente da Joker, tra le altre cose, ha sottolineato, come l’operato del movimento rappresenti una partita aperta; infatti, a tal proposito ha dichiarato: “Faremo di tutto per spuntarla”, un messaggio di sfida ai giornalisti e ai dissidenti.  “Adesso, però, che la festa cominci”.

Dunque, una giornata che ha evidenziato la presenza di una forte e salda collaborazione interna al movimento stesso; tanti gli obiettivi, alcuni già realizzati in questi mesi, altri da realizzare, tante le voci da smentire, in una “festa” continua che si fonda su un costante senso di appartenenza e condivisione.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO