Ludimà, l’innovazione della musica partenopea

I Ludimà, che si esibiranno presso il "Direzioni Diverse 2019" festival, sono un gruppo di giovani musicisti napoletani. Il loro punto di forza è l'innovazione. Scopriamoli insieme.

Ludimà, quattro giovani ragazzi partenopei con la passione per la musica, quattro studenti che hanno deciso di riunirsi e inseguire il proprio sogno, quello di sfondare nella carriera musicale. Ma facciamo un passo indietro, chi sono i Ludimà?

Dietro il nome di Ludimà si nascondono, Alessandro Guarino, cantante, nonché chitarrista della band, Francesco Aviani, bassista, Andrea Landolfi, chitarrista, e Nico Pugliese, batterista, nonché una forte propensione per la luna e per il quinto mese.

img-20190702-wa0014

Ludimà è infatti acronimo di Luna di Maggio, nascondendo un significato criptico che i ragazzi non hanno voluto rendere noto.

I quattro amici, tutti ventenni, hanno un progetto, un sogno, quello di sfondare nella carriera musicale, distaccandosi dalla scena italiana, con uno stile innovativo e del tutto singolare.

Le loro influenze sono plurime e spaziano dal classico cantautorato italiano, al rock anni ’60 ’70, all’indie rock, del e post 2000, ancora fino alla scena indie italiana che da qualche anno si sta evolvendo, vedendo l’emersione di molti artisti.

Il loro stile è difficilissimo da catalogare, molto sottile da intendere, potrebbe quasi essere identificato in un mix tra il cantautorato classico italiano con la presenza di alcune sfumature indie rock, orientandosi verso un vero e proprio pop rock.

Con un genere innovativo, insomma, non classificabile, unico finora nel panorama artistico italiano, i Ludimà rappresentano una vera e propria svolta per il panorama artistico napoletano, una miscela esplosiva tra classicismo e innovazione.

“Siamo contro la banalità, contro le cose stupide, noi vogliamo toccare l’animo delle persone attraverso i nostri testi”, afferma Alessandro Guarino.

Le varie influenze, la mescolanza di genere, orienta i Ludimà verso la ricerca di un’omogeneità, al fine di perseguire il principale obiettivo, creare qualcosa di originale che possa arrivare a più persone possibile per trasmettere le proprie emozioni.

“Il mezzo di comunicazione emotivo è uno dei migliori, perché ci permette di arrivare al cuore delle persone”, continua Alessandro Guarino.

Chiunque fosse curioso di ascoltare i Ludimà, potrà farlo presso il “Direzioni Diverse 2019” festival di Caserta, dove si esibiranno venerdì 12 luglio.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO