La Reggia di Caserta location di un cortometraggio

Un noto panificio napoletano ha deciso di sponsorizzare aziende del territorio napoletano attraverso la creazione di un nuovo cortometraggio, dopo quello girato nel 2011 con la regia di Terry Gilliam. La nuova produzione è stata affidata al regista James McTeigue, che ha diretto per l’occasione artisti di fama: Kasja Smutniak, nei panni della Regina Maria; Valerio Mastrandrea, in quelli di Re Carlo III; e Richard Dreyfuss per l’interpretazione di Luigi Vanvitelli.

Il titolo del cortometraggio è “Caserta Palace Dream”, con musiche di The Niro e voce di Malika Ayane. Ambientato nella suggestiva location della Reggia di Caserta, il cortometraggio racconta l’amore platonico tra la Regina Maria e l’architetto Luigi Vanvitelli, che perde la testa per la regnante costretta a seguire a malincuore il consorte in Spagna.

McTeigue, parlando del progetto dichiara: “dopo aver lavorato nel lontano 1999 ad un film come Terza generazione, di cui alcune scene sono state girate proprio al Palazzo Reale di Caserta, non ho potuto rifiutare l’allettante proposta di ritornarci per una nuova avventura. Subito mi sono dato da fare per conoscere il più possibile i segreti della Reggia ed una personalità come il Vanvitelli”.

Gli interpreti hanno poi espresso le loro personali opinioni sul progetto a cui hanno preso parte. In particolare la Smutniak afferma di essere rimasta positivamente colpita dall’atmosfera vissuta nella Reggia, dal cast con cui ha lavorato, e di aver vissuto un’intensa e irripetibile esperienza, calandosi nei panni di una donna d’altri tempi, nella quale ha cercato d’immedesimarsi totalmente, in modo da poterne condividere anche emozioni e stati d’animo.

Print Friendly
Condividi
Articolo precedenteFerrari: argento nella ginnastica artistica
Prossimo articoloSuper Fognini. Italia in semifinale
Emanuela Iovine
Ambiziosa, testarda e determinata. Nata a Napoli e residente a Caserta. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", presentando una tesi dal titolo: "Tendenze Linguistiche del Giornalismo dalla carta al web". Iscritta dal Novembre 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania e diplomata nel Giugno 2013 in danza classica e moderna. Sono fortemente convinta che fare il giornalista non sia una professione, bensì una vocazione!

LASCIA UN COMMENTO