La Campania contro il bullismo

La Campania in prima linea per la lotta al bullismo in tutte le sue forme. Ieri, 18 aprile 2018, è stato istituito il comitato per la tutela contro il bullismo ed il cyberbullismo.

Bullismo_21secolo_emanuelemarino
Bullismo

La regione Campania è in prima linea per il contrastio riguardante le discriminazioni, al fine di tutelare l’integrità psico-fisica di bambini e giovani, soprattutto al riguardo dell’utilizzo degli strumenti informatici, a tal fine è stato ieri istituito il Comitato regionale per la lotta al bullismo ed al cyberbullismo.

Presieduto dall’Assessore alla Formazione e alle Pari Opportunità, Chiara Marciani delegata dal Presidente Vincenzo De Luca, il Comitato, risulta essere previsto dalla Legge n.11 del 22 maggio 2017, riguardante le “Disposizioni per la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo nella Regione Campania”.

La legge ha permesso all’Amministrazione regionale di dotarsi di uno strumento di difesa finalizzato alla diffusione della cultura della legalità per prevenire e contrastare i sempre più frequenti episodi di bullismo e cyberbullismo nei confronti di ragazzi considerati bersagli facili o incapaci di difendersi.

Il nascente organo si occuperà, in primo luogo, di mappare ed analizzare il fenomeno, tramite una raccolta di dati effettuata su territorio regionale, per la persecuzione del proprio obiettivo primario, cioè quello di creare un piano di azione finalizzato al contrasto e alla prevenzione del bullismo e del cyberbullismo.

L’altro obiettivo del comitato è quello di creare una cooperazione tra tutti i coinvolti, grazie ovviamente anche alla collaborazione con gli enti statali, locali e le istituzioni. Verranno incrementate le convenzioni tra le scuole e le ASL, coinvolgendo gli operatori territoriali, al fine di avviare iniziative volte ad una maggiore e migliore conoscenza in materia di norme di buon comportamento e di sicurezza in rete.

“Riconoscere il bullismo non è sempre facile soprattutto quando questo fenomeno si sviluppa in rete e attraverso il web. Con il Comitato saranno  avviate iniziative sinergiche e sarà messo in rete il lavoro già avviato per coinvolgere tutto il territorio regionale ed ottenere risultati più efficaci; scuola, famiglia, associazioni  ed istituzioni sono  determinanti nella diffusione di un atteggiamento anche culturale che educhi al rispetto dell’altro e della diversità, al senso della comunità e della responsabilità collettiva” queste le dichiarazioni dell’Assessore alla Formazione e alle Pari Opportunità Chiara Marciani.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO