Isola di Capri: controlli e multe alle barche

Violazione delle regole dei proprietari di barche nella zona di Capri. Sono stati registrati verbali e multe

Una delle zone marine più frequentate, appartenenti al Sud Italia, è sicuramente l’isola di Capri. L’isola è meta di numerosi turisti, sia sulla terra ferma, sia via mare, che arrivano tramite i numerosi yacht e imbarcazioni. Risulta essere un’ambita meta di vacanze soprattutto in questo periodo dell’anno e, proprio per questo motivo, la Guardia Costiera di Capri ha intensificato i controlli sulle barche, infliggendo molte multe e sanzioni.

La Guardia Costiera di Capri ha messo in atto, o meglio dire, ha intensificato le analisi e ricerche dell’operazione “Mare Sicuro”, un progetto che mira alla salvaguardia dell’ambiente e dei bagnanti, basato su controllo, prevenzione e rispetto delle leggi.

Gli addetti della Capitaneria di Porto di Capri, guidati e comandati dal tenente Antonio Ricci, hanno eseguito intensificati controlli. Infatti, sono state controllate centosette imbarcazioni e sono stati registrati ventuno verbali amministrativi. Sommando il tutto, si arriva ad un totale di 6500 euro di multe.

Le violazioni registrate riguardano scafi ormeggiati sotto costa, violando così le leggi che impongono le distanza di sicurezza dalla costa, e quelli che navigavano in velocità eccessiva, l’entrata in grotte dove è vietato l’ingresso per rischio frane e l’ingresso in aree marine protette.

Le zone messe a setaccio sono la Grotta Azzurra, Grotta Verde, Marina Piccola, Grotta Bianca, Palazzo a Mare e Gradola, che, in effetti, risultano essere le zone più frequentate dai turisti e diportisti.

La Capitaneria di Porto, in vista dell’arrivo del giorno di Ferragosto, ha invitato i turisti a rispettare maggiormente le regole imposte.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO