Il popolo degli strilloni

Visione negativa? Assolutamente no! Solo consapevolezza e risveglio delle coscienze e l'infinito ottimismo che anima l'uomo.... adesso si che possiamo gridare, fiato alle trombe! Basterà a salvare il mondo?

il popolo Luigi Giugliano
il popolo degli strilloni

“Il sapere e la ragione parlano; l’ignoranza e il torto urlano ”  questa massima del saggista e poeta italiano Arturo Graf 1848  – 1913 preconizzava quanto ad oggi si assiste. I media oggi entrati tanto prepotentemente nelle nostre case attraverso le televisioni,  strillano  indistintamente tra una televendita o un format,  una trasmissione politica o un reality. Non è ben chiaro il messaggio, se non quello  della prevaricazione.

È incredibile come in funzione dei decibel si possa valutare la qualità di un programma, come alcuni abbiano costruito fortune con rapide scalate e altrettanto rapide discese. Si ricordano infatti, personaggi che hanno seppur in un tempo breve, vissuto il loro momento di gloria, raccogliendo inaspettati  successi, esclusivamente strillando a squarciagola Purtroppo successo non vuol dire giustezza. L’equazione infatti non è  perfetta e  non porta sempre a risultati positivi.

Lo scempio fatto della lingua italiana va di pari passo con la volgarità e L’IGNORANZA che purtroppo regna imperante.

L’incapacità di inculcare messaggi positivi, la pressoché nulla stimolazione di processi cerebrali attraverso in quali sviluppare la sintesi e l’analisi, rappresentano un vero e proprio appiattimento verso oltre basso facendo così degenerare le capacità proprie dell’individuo, fino ad una regressione che nulla di buono sembra auspicare.

Visione negativa? Assolutamente no! Solo consapevolezza e risveglio delle coscienze e l’infinito ottimismo che anima l’uomo…. adesso si che possiamo  gridare, fiato alle trombe! Basterà a salvare il mondo?

Ai posteri l’ardua sentenza.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO