Egitto: prima scoperta archeologica 2018

In Egitto il 2018 si è aperto con una straordinaria scoperta: è stata rivenuta una tomba datata 2400 a.C.

In Egitto il 2018 si è aperto con una straordinaria scoperta: è stata rivenuta una tomba datata 2400 a.C, in un cimitero faraonico a Giza, poco lontano dalla piramide di Chefren. La tomba, resa nota da Khaled El-Enany, ministro dell’Antichità, è stata denominata G9000. Apparteneva alla Sacerdotessa di Hathor, Hetepet, la dea della bellezza, dell’amore e della fertilità. Si dice, infatti, che assisteva le donne durante il parto. Di lei non si sa molto, ma doveva, sicuramente, trattarsi di una personalità importante, considerando che è stata seppellita da sola, senza un compagno.

La mastaba è realizzata con blocchi di calcare e mattoni di fango. Ha lo stile architettonico e gli elementi decorativi della Quinta Dinastia, con un’entrata che conduce ad un santuario a forma di “L”.  E’ ricca di affreschi vivi e perfettamente conservati, raffiguranti scene di vita quotidiana. Le immagini mostrano Hetepet in piedi, a caccia, a pesca e mentre riceve doni dai suoi figli. Gli affreschi della tomba evidenziano anche scene di fusione di metalli, conciatura di cuoio e fabbricazione di imbarcazioni di papiri.

Particolarissima è la presenza di due scimmie, nell’antichità tenute come animali domestici: una intenta a raccogliere frutti e l’altra che balla dinanzi ad un’orchestra. Qualcosa di analogo era stato già rinvenuto in altre tombe, ad esempio quella dell’Antico Regno a Saqqara, ma in quel caso la scimmia balla davanti ad un singolo chitarrista e non ad un’intera orchestra. Tuttavia,però,potrebbe non trattarsi di una scoperta del tutto inedita: a seguito di una spedizione tedesca del 1909 con a capo Carl Kaufmann, i musei di Francoforte e Berlino conservano altri rilievi di Hetepet. Si aspettano, comunque, ricerche successive per ulteriori conferme attraverso le quali potrebbe essere incentivato il turismo di questa città che ha mille segreti da raccontare.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO