Una cinica Juve batte la Fiorentina

prima Bernardeschi su calcio di punizione e poi Higuain stendono la Viola.

Nell’anticipo della 24′ giornata di Serie A, la Juventus vince 0-2 a Firenze e vola momentaneamente in testa alla classifica in attesa di Napoli-Lazio di questa sera.

A dispetto del risultato, la partita è stata complicata per i bianconeri, i quali sono riusciti a prevalere grazie ai colpi individuali dei propri campioni.

Nella prima frazione di gara, la squadra di casa è sembrata più in palla degli ospiti creando anche i presupposti per andare in vantaggio.

L’episodio che ha fatto più discutere è il rigore concesso alla Fiorentina, poi revocato dopo ben 4 minuti in seguito al silent check del Var. Benassi da destra mette un cross che viene toccato con il braccio da Chiellini. Tuttavia il Var ha considerato l’azione precedente, ossia il presunto fuorigioco di Benassi e di conseguenza il rigore è stato annullato.

L’occasione più ghiotta della Viola arriva alla mezz’ora su un contropiede, Gil Dias con un destro colpisce il palo pieno e poi la palla finisce tra le braccia di Buffon.

Nel secondo tempo la sfida è stata più equilibrata e gli ospiti hanno mostrato cinismo e concretezza. Il risultato si sblocca al 57′ su calcio di punizione dal limite dell’area calciato da Bernardeschi per il classico goal dell’ex. Qualche responsabilità di Sportiello che avrebbe potuto fare sicuramente meglio sul suo palo.

La Viola non ci sta e prova a reagire. La palla per il pareggio arriva al 71′ e capita sui piedi di Thereau, determinante l’intervento in uscita bassa di Buffon che, nonostante l’avanzare dell’età, dimostra di essere ancora sul pezzo.

I Toscani producono il massimo sforzo ma la Juve si difende in maniera perfetta. All’86’ è Higuain a firmare il raddoppio su verticalizzazione di Chiellini. Pessimo il posizionamento della difesa Viola in questa occasione.

Finisce 0-2 per la Juve. Una sfida che nel post-partita ha suscitato molte contestazioni per quel rigore concesso e poi negato.

Dal punto di vista tecnico, i bianconeri certamente non hanno brillato, ma sono riusciti a portarla a casa grazie alla classe dei singoli. La Fiorentina invece ha disputato un’ottima gara ma deve rammaricarsi per il fatto di non aver capitalizzato le occasioni create.

 

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO