Cinema, ricoverato Tinto Brass

Il maestro dell'eros italiano è stato ricoverato d'urgenza al Sant'Andrea di Roma a seguito di un malore.

Ore di attesa e apprensione per tutti gli estimatori del cinema italiano, soprattutto a tinte eros. Il maestro Tinto Brass è stato ricoverato a Roma, in terapia intensiva presso l’ospedale Sant’Andrea.

A rendere nota la notizia è stata la moglie del regista ultraottantenne, Caterina Varzi, la quale ha riferito che il maestro ha avuto un malore a cui è seguito il trasporto in ospedale, richiesto dallo stesso Brass.

Il regista di “Così Fan Tutte” e “Monella”, capace di accedere e descrivere la spia rossa nella mente e nel corpo dell’immaginario italiano, classe 33′ già nel 2010 fu ricoverato d’urgenza per un ictus.

Brass con la sua visione è riuscito a far cinema sfruttando il tabù erotico italiano, riuscendo a creare dei personaggi, femminili ovviamente, detentrici di una carica sessuale ma anche di un’-emancipazione, figlia della stessa società italiana uscita rinnovata nei costumi dal 68′ e dagli Anni di Piombo. Tinto Brass ha messo in relazione l’immaginario sociale italiano, senza timore di sfociare nella libido, avvalendosi di attrici come Serena Grandi in “Miranda”, Deborah Caprioglio in “Paprika” e soprattutto, Claudia Koll in “Così Fan Tutte”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO