L’insostenibile leggerezza dell’etere.

Il futuro è qui, è oggi, eppure noi cinquantenni che siamo stati forgiati a pane.