Caso Orlandi: sono vuote le due tombe

Si susseguono colpi di scena nel caso Orlandi, il mistero s'infittisce sempre più

Ancora aperto il caso concernente Emanuela Orlandi, studentessa liceale quindicenne, scomparsa nel nulla il 22 giugno 1983.

Emanuela, cittadina vaticana, figlia di un commesso della prefettura pontificia, aveva appena terminato il secondo anno di liceo scientifico, presso il Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II.

La vita della ragazzina ruotava attorno ad una grande passione: la musica. Emanuela era, infatti, dotata di un grande talento artistico: era capace di suonare ben tre strumenti e seguiva un corso di canto corale.

Il giorno stesso della scomparsa, Emanuela doveva prendere lezioni di musica attorno alle 16, per poi fare ritorno a casa verso le 19.

Tuttavia, poco dopo le 19, la giovane Orlandi comunicò alla sorella, tramite un’insolita telefonata, di aver ricevuto una proposta di lavoro come promotrice di prodotti cosmetici. La germana le avrebbe sconsigliato di accettare e le avrebbe ordinato di rincasare quanto prima.

La ragazza, sfortunatamente, non badò alle parole della familiare e, poco dopo, incontrò due amiche che salirono su due bus differenti, raccontando loro di un’allettante offerta di lavoro.

Da quel momento in poi, di Emanuela non si seppe più nulla e si scoprì, in seguito, che in quello stesso arco di tempo, più ragazze avevano ricevuto la medesima proposta lavorativa, da un uomo poco raccomandabile.

Da quel giorno, si sono succedute diverse versioni, avvistamenti e elaborazioni di piste per spiegare quello che è, oramai, diventato uno dei misteri più fitti della cronaca italiana.

Le ipotesi più disparate sono state formulate, col passare del tempo: da un presunto collegamento con l’attentato del Papa, passando per il coinvolgimento della Banda della Magliana alla pista della pedofilia.

Di recente, il fratello di Emanuela, che lotta da più di vent’anni perché sia fatta giustizia, è venuto a conoscenza di un messaggio che suggeriva la presenza delle spoglie della sorella nel Camposanto Teutonico Vaticano.

Tuttavia, le due tombe del camposanto che avrebbero dovuto contenere, oltre ai resti di due principesse tedesche, anche la salma della quindicenne, sono state trovate vuote.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO