AirPods illegali sequestrati a Napoli

Sequestrati più di 2000 AirPods, messi in vendita in sette attività commerciali cinesi.

La tecnologia va avanti, è risaputo, e progredisce per proporre al mercato del commercio e agli utenti sempre più diversificati prodotti. Tra questi, ci sono gli AirPods, i nuovi auricolari wireless della catena Apple, che hanno riscosso un notevole successo, tale da essere molto richiesti. A Napoli, sono stati sequestrati oltre 2000 AirPods, perché falsi e risultavano essere dannosi per la salute.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, hanno trovato, e prontamente messo sotto sequestro, ben 2365 auricolari AirPods che risultavano essere falsi, in quanto non rispecchiavano le norme italiane ed europee relative alla sicurezza, e quindi anche nocivi per il cliente.

La merce contraffatta era stata già esposta in sette attività commerciali, vendita di merce elettronica, i cui titolari sono di provenienza cinese, localizzate nella zona industriale est di Napoli. I cinesi, in totale sette responsabili, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria locale.

La perizia ha fatto notare che gli auricolari contraffatti erano molto simili ai modelli originali e la somiglianza era talmente chiara che poteva trarre in inganno gli utenti. Non solo, ma anche il prezzo poteva ingannare il cliente, in quanto ogni AirPods era stato messo in vendita alla modica cifra di 50 euro, un costo sicuramente più accessibile per l’acquirente ma che non rispecchia la realtà e il prodotto legale. Infatti, il costo di un AirPods originale, nella media, si aggira sui 150 euro circa.

I controlli effettuati fanno parte del progetto per contrastare il settore della contraffazione e prevenirne le conseguenze.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO