Airc: varie influencer nella campagna antifumo

Volti noti del web prendono parte alla campagna antifumo della Fondazione Airc

Nel corso degli anni, tante sono state le strategie usate per combattere il fenomeno del fumo, o provare almeno a limitare, il consumo di sigarette. Si è partiti rendendo note tutte le negative conseguenze per la salute, tramite varie campagne antifumo, ma, stavolta, l’ Airc ha pensato un’idea nuova e originale, coinvolgendo nella sua campagna alcune delle influencer più conosciute.

Così prende il via la campagna antifumo dell’Airc, la fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro, con la partecipazione di volti noti soprattutto per i giovani. Infatti, sono state coinvolte alcune delle influencer che hanno un gran seguito sui social: a partire da Camihawke, nome d’arte, il cui vero nome è Camilla Boniardi, Alice Venturi, Chiara Galiazzo, Sofia Viscardi e le K4U, duo composto da due ragazze, Velia e Federica.

In effetti, le influencer selezionate hanno una gran bella visibilità tra i giovani, con un gran numero di seguaci (o meglio dire, usando un termine social, follower) e ciò assicura un numero elevati di ascolti.

Proprio per questo “seguito”, l’ Airc ha deciso di coinvolgerle per comunicare meglio con i giovani, per potersi avvicinare a loro quanto più possibile e avere una maggior risposta e successo per la campagna.

Quale strada migliore per comunicare con i ragazzi se non tramite coloro che seguono di più? Questa è la strada scelta dall’ Airc, soprattutto se, con il passar degli anni, il fenomeno del fumo sta prendendo sempre più piede invece di diminuire, soprattutto tra donne e ragazzini.

Le influencer si mettono in gioco, o meglio mettono in gioco la propria visibilità, non solo per raccontarsi, per condividere esperienze e consigli, come sono solite fare sulle proprie pagine social, ma stavolta scendono in campo per uno scopo più grande ed educativo e per far capire ai giovani che smettere di fumare è possibile.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO