Addio a Igor Mitoraj

Addio a Igor Mitoraj

È venuto a mancare ieri nella splendida Parigi uno degli artisti contemporanei maggiormente apprezzati, lo scultore polacco Igor Mitoraj. Conosciuto in tutto il mondo grazie alle sue gigantesche opere fortemente evocative della tradizione classica, Mitoraj opera attraverso la realizzazione di enormi busti con arti e teste troncate, una potente denuncia dei gravi danni subiti dalle sculture classiche.

La notizia della morte del grande artista di Oederan è giunta a Pietrasanta, piccola cittadina toscana nella quale Mitoraj aveva aperto uno studio e dove viveva quando non soggiornava a Parigi. Il sindaco di Pietrasanta, Domenico Lombardi, ha dichiarato: “sono profondamente colpito, con Igor stavamo preparando una grande mostra che insieme avremmo aperto agli inizi di marzo nel complesso di Sant’Agostino e nelle piazze cittadine. Ho perso un grande amico; Igor è stato un grande artista del nostro secolo e Pietrasanta sentirà la sua mancanza. Amato follemente dal pubblico e dalla critica, talvolta discusso, ma sempre protagonista, con la sua generosità, delle vicende artistiche di Pietrasanta.”

Nato nel 1944 e sopravvissuto al bombardamento di Dresda, Mitoraj si dedicò agli studi artistici ottenendo la sua prima personale presso la Galleria ‘La Hune‘ a Parigi solo nel 1976. Quasi in contemporanea vinse il ‘Prix de la Sculpture‘ a Montrouge e ricevette dal Ministro francese per la Cultura uno studio a sua completa disposizione al Bateau Lavoir di Montmartre. Giunto a Pietrasanta nel 1979 vi si stabilì solo quattro anni dopo, alternando le sue permanenze in Toscana a quelle in Francia. Nel 1994, quando fece dono alla cittadina di Pietrasanta del ‘Centauro‘, l’allora Ministro ai Beni Culturali Antonio Paolucci definì Pietrasanta ‘Piccola Atene‘.

Allevia parte del dolore per la sua scomparsa la consapevolezza che, come tutti i veri grandi artisti, Mitoraj vivrà sempre attraverso le proprie opere che continuano e continueranno a portare avanti quella denuncia a cui Igor ha dedicato un’intera vita.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO