Donna 44enne costringeva la figlia a violenze

pedopornografia_21secolo_Emanuela_Iovine
pedopornografia

Donna 44enne residente nel napoletano inviava immagini pornografiche della figlia 13enne a un uomo di Palermo, ma per i due oggi è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare.

La madre della ragazzina dopo alcune indagini è stata arrestata e condannata agli arresti domiciliari mentre l’uomo si trova attualmente in carcere. Entrambi sono accusati di violenza sessuale e detenzione di materiale pedo-pornografico. Ad arrestare i due sono stati gli agenti del commissariato di Scampia, del commissariato di Palermo e della squadra mobile di Napoli. A fare scattare le indagini, la testimonianza della vittima che stanca delle continue forzature della madre ha trovato finalmente il coraggio di chiedere aiuto e rivelare i retroscena familiari. Successivamente sono stati vagliati i file contenuti nei computer degli indagati e il materiale trovato è stato sottoposto a sequestro. Secondo il racconto della 13enne sembra che la madre, se così si può definire obbligasse la figlia minorenne a girare video di autoerotismo da inviare poi a L.I.S. di anni 40. La madre della ragazzina, dopo essere stata arrestata si sarebbe difesa gettando fango sul suo complice e accusandolo di averle richiesto immagini pornografiche della figlia in cambio di un’ingente somma di denaro. La verità dei fatti è ancora da accertare, ma gli inquirenti si stanno dando da fare per far si che venga al più presto alla luce per porre fine a questa triste vicenda che ancora una volta vede protagonista una bambina innocente. I bambini di qualsiasi nazionalità siano andrebbero sempre e in ogni caso tutelati, dovrebbero avere la libertà di vivere la spensieratezza della propria età senza doversi confrontare anzi tempo con le problematiche del mondo degli adulti. Sempre più spesso invece, gli adulti si servono di loro per secondi fini senza tener conto dei loro sentimenti, delle loro idee e delle loro aspirazioni.

Sono tanti i progetti nati negli ultimi anni per aiutare i bambini vittime di violenze nel mondo che hanno l’obiettivo di ridare a queste creature l’età perduta e i sogni che gli sono stati sottratti da chi senza pensarci due volte ha giocato con le loro vite.

Print Friendly
Condividi
Articolo precedenteProdotti “made in China” alla Reggia Designer Outlet
Prossimo articoloI dolci natalizi della tradizione napoletana
Emanuela Iovine
Ambiziosa, testarda e determinata. Nata a Napoli e residente a Caserta. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", presentando una tesi dal titolo: "Tendenze Linguistiche del Giornalismo dalla carta al web". Iscritta dal Novembre 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania e diplomata nel Giugno 2013 in danza classica e moderna. Sono fortemente convinta che fare il giornalista non sia una professione, bensì una vocazione!

LASCIA UN COMMENTO