26 maggio 1897: il romanzo “Dracula” esce a Londra

Il romanzo "Dracula" scritto dall'irlandese Bram Stoker venne messo in vendita a Londra il 26 maggio del 1897

Oggi ricorre l’anniversario dell’uscita di “Dracula” a Londra. Si tratta di uno degli ultimi esempi di romanzo gotico e di cui è autore l’irlandese Bram Stoker.

In questo contesto nasce il mito del vampiro aristocratico, che è ben distante dall’immagine di vampiro presente nel folklore.

La storia trae ispirazione dalla figura di Vlad III Principe di Valacchia (1431- 77), meglio conosciuto con il suo nome patronimico: Dracula. Il Principe durante la sua vita ebbe la reputazione di essere un uomo crudele e sanguinario, proprio per questo fu fonte d’ispirazione per lo scrittore irlandese Bram Stoker, che creò così il suo personaggio più celebre: il vampiro conte Dracula.

Esso al pari di Frankenstein è entrato a far parte dell’immaginario popolare divenendo un fenomeno di costume destinato a perdurare nel tempo. Oltre al libro, molti film, adattamenti teatrali e fumetti hanno permesso di diffonderne la trama in tutto il mondo.

Tutto ha inizio grazie al viaggio di un giovane avvocato inglese, Jonathan Harker,  inviato in Transilvania da un suo superiore, presso il conte Dracula, per occuparsi del contratto di una casa che quest’ultimo vorrebbe acquistare a Londra. Ma quando il giovane arriva al castello una serie di fatti strani iniziano a insospettirlo e a turbarlo fortemente, in primis l’aspetto del conte, un anziano signore apparentemente innocuo e gentile, ma dall’aspetto sinistro: il volto pallido, vestito completamente di nero, bocca dai contorni crudeli e denti aguzzi.Anche l’atmosfera del castello è piuttosto inquietante: privo di servitù e percepibile di tenebrose presenze.

Tutto ciò ha permesso al mito di Dracula di perdurare e anche di continuare a destare curiosità e interesse.

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO