2 fermati per l’omicidio di Luca Sacchi

Oggi, venerdì 25 ottobre 2019, terminato l’interrogatorio presso la Questura, sono stati fermati due ragazzi per l'omicidio di Luca Sacchi

Due sere fa a Roma è stato ucciso Luca Sacchi, un ragazzo di 24 anni.

Oggi, venerdì 25 ottobre 2019, terminato l’interrogatorio presso la Questura, sono stati fermati due ragazzi.

I due fermati sono:

  • Valerio Del Grosso
  • Paolo Pirino.

I due ragazzi sono entrambi di Roma e hanno 21 anni.

L’accusa mossa ai due fermati è quella di concorso in omicidio.

Oggi, Del Grosso e Pirino sono stati trasportati presso il carcere di Regina Coeli.

Dalle prime indagini era emerso che Sacchi e la fidanzata volessero comprare della droga e che poi la situazione fosse peggiorata fino a giungere alla tragedia.

Infatti pare che Pirino e Del Grosso avessero visto che la fidanzata di Sacchi avesse molti soldi con sé e avessero deciso di rapinarla, poi quando Luca è intervenuto i due hanno sparato in testa al ragazzo.

Tuttavia, oggi Anastasia, fidanzata di Luca ha rilasciato un’intervista al microfono del Tg 1 spiegando che la droga non ha nulla a che fare con la vicenda.

La ragazza ha riferito che Luca si trovava lì solo per badare al piccolo fratello che stava in un pub nelle vicinanze.

Anastasia ha spiegato che Luca è intervenuto in sua difesa quando qualcuno dalla voce romana si è avvicinato a lei intimandole di dargli il suo zaino.

Attualmente l’arma del delitto non è stata ancora trovata dalle forze dell’ordine.

Le forze dell’ordine sono giunte a fermare i due sospettati dopo la denuncia della madre di uno di loro.

La donna si è recata ieri sera presso le forze dell’ordine a denunciare l’accaduto, evidenziando che il figlio forse fosse coinvolto nell’omicidio Sacchi.

Così sono scattati gli interrogatori per i due e poi il fermo.

Intanto la famiglia Sacchi ha smentito che il figlio facesse uso di droga. A conferma di ciò anche i risultati degli esami clinici e tossicologici fatti al ragazzo prima di effettuare la procedura dell’espianto degli organi.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO