Muore Godfrey Gao, il Magnus del film Shadowhunters

Muore Godfrey Gao, attore e modello originario di Taiwan, durante la partecipazione ad un reality show.

Si spegne all’età di 35 anni l’attore e modello Godfrey Gao, celebre in Europa per aver interpretato lo stregone Magnus Bane nel film Shadowhunters – città di ossa del 2013. 

Nato a Taipei, si trasferì in Canada con la famiglia all’età di 9 anni, scoperta la passione per la recitazione si iscrive alla Capilano University di North Vancouver dove completa la formazione.

Nel 2011 viene scelto come nuovo volto della casa di moda Louis Vuitton, della quale diventa un simbolo importante, essendo il primo modello asiatico a posare per una campagna.

Nel 2012 arriva il ruolo che lo porta sul grande schermo e veste i panni dell’eccentrico e anticonvenzionale stregone Magnus Bane.

Gao era un concorrente del reality show cinese “Chase me” trasmesso su Zhejiang Television, il quale vedeva due squadre contrapposte, i corridori e i fuggitivi.

L’ attore ha avuto un malore durante lo svolgimento di una prova che prevedeva la fuga dalla squadra avversaria, pare che prima di accasciarsi al suolo Gao abbia detto : “Non riesco a continuare”. In seguito è stato prontamente soccorso dai medici e dal personale sanitario ma due ore dopo il suo arrivo in ospedale è deceduto per arresto cardiaco.

Su instagram sono state diffuse le foto del soccorso, nelle quali è possibile osservare gli altri membri del reality e lo staff visibilmente scossi, non è possibile vedere Gao ma la gravità della situazione è chiaramente riportata dagli scatti.

I produttori del reality hanno affermato che aiuteranno la famiglia dell’attore a sostenere i costi del funerale.

In queste ore i social riportano messaggi di cordoglio da parte dei fan di tutto il mondo, in particolare su Instagram e Twitter. Proprio su quest’ultimo l’attore australiano di origini asiatiche, Remy Hii, noto per aver recitato nel film Marvel Spider-Man : Far From Home, ha dichiarato : “la comunità artistica asiatica non sarà più la stessa senza di lui”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO