La notte di Leonardo presso l’ITIS di via Toscana

"La notte di Leonardo" è una manifestazione organizzata negli anni grazie alla collaborazione fra l'istituto scolastico, gli enti, le istituzioni e le imprese del territorio di Parma

Venerdì 6 dicembre 2019 si svolgerà l’evento “La notte di Leonardo” presso l’Itis Leonardo da Vinci, situato in via Toscana 10, a Parma.

L’evento inizierà alle ore 18.00 con i saluti della dirigente scolastica dell’istituto Elisabetta Botti e alcune locali autorità.

Poi intorno alle ore 18,30 ci sarà un confronto sul rapporto fra le donne e la scienza moderna, moderato da Patrizia Ginepri.

Il dibattito “Tavola rotonda: la scienza corre. E le donne?” è stato organizzato col patrocinio del comitato per l’imprenditoria femminile di Parma.

In occasione dell’evento è stato organizzato anche un aperitivo,  presso l’ Itis Bar, situato all’interno dell’istituto scolastico, intorno alle ore 19,15.

Durante la manifestazione “La notte di Leonardo” saranno allestiti anche molti stand espositivi di aziende partecipanti all’evento.

Attraverso questi stand, le aziende potranno  descrivere chi sono e le loro attività sul territorio. Gli stand apriranno al pubblico a partire dalle ore 19,45.

L’evento, organizzato dall’ITIS Leonardo da Vinci di Parma è giunto alla sua terza edizione.

“La notte di Leonardo” è una manifestazione organizzata negli anni grazie alla collaborazione fra l’istituto scolastico, gli enti, le istituzioni e le imprese del territorio di Parma.

L’iniziativa è molto importante perchè crea un filo conduttore fra il mondo scolastico e quello lavorativo, fondamentale per gli studenti.

Si ricorda che l’evento è aperto a tutti.

All’evento parteciperà anche l’Associazione Fai Emilia per mettere in evidenza la rilevanza della cultura della logistica negli studenti che si stanno per accingere verso il mondo del lavoro.

“La notte di Leonardo” è l’occasione giusta da non perdere per ammirare il patrimonio del sapere tecnologico e la professionalità delle imprese della provincia di Parma.

 

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO