Muore il fumettista Guillermo Mordillo Menéndez

Si spegne all'età di 86 anni il fumettista argentino Guillermo Mordillo Menéndez, il cui lavoro ha dato vita a personaggi amati come il celebre Popeye, Braccio di ferro.

Una terribile perdita ha colpito il mondo del fumetto e dell’illustrazione : Guillermo Mordillo Menéndez si è spento all’età di 86 anni.

Il celebre fumettista argentino avrebbe accusato un malore tra le giornate di venerdì e sabato e si sarebbe sentito male durante una cena in famiglia. Si è spento domenica 30 Giugno, nella sua casa a Maiorca.

Personalità di spicco del mondo del fumetto, nasce da genitori spagnoli e cresce in Argentina, dove si trasferì con la famiglia.

A 12 anni scopre la passione per il fumetto con la realizzazione del suo primo disegno, questa attitudine diventa una vera e propria ragione di vita, a soli 20 anni consegue una laurea in Illustrazione e comincia a viaggiare trasferendosi prima in Perù e poi in America, dove comincia a lavorare come fumettista.

Tra le numerose collaborazioni che ottiene ricordiamo il lavoro svolto per gli studi della Paramount, dove ha lavorato all’animazione del famoso personaggio Popeye, meglio conosciuto come Braccio di ferro.

Dopo il trasferimento a Parigi il suo lavoro diventa noto anche in altri paesi e il suo nome sempre più conosciuto e apprezzato dagli esperti del settore.

Temi centrali delle sue vignette sono le illustrazioni per bambini. Tra i numerosi riconoscimenti ottenuti durante la sua attività di fumettista ricordiamo : il Phoenix Prize of Humor nel 1973, lo Yellow Kid Award nel 1974, il Nakanoki Prize nel 1977, il Cartoonist of the Year del Salone Internazionale dell’Humor di Montréal nel 1977.

Le illustrazioni di Mordillo vengono ricordate per la capacità di disegnare, con uno stile fresco e ironico, gli animali della jungla tanto amati dai bambini accentuandone i difetti in maniera divertente e naturale e creando uno stile unico nel suo genere.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO